Recent Comments

    Risposta al Notiziario del 10 aprile 2012 Bilancio Pubblico, Imu, servizi sociali, giovani

    Da: piero.uboldi [mailto:piero.uboldi@ilnotiziario.net]
    Inviato: sabato 7 aprile 2012 07:35
    A: l.barella@abpconsulting.it; micalizzi.domenico@libero.it; Teo Afker; famiglianicosia@libero.it; lino.dinatale40@tiscali.it; giovbuc@libero.it; mara.bonesi@pdgarbagnate.it; Dott. Giuseppe Vacirca; Vincenzo Soleo; barlettadavide@libero.it; solidoro@tin.it
    Oggetto: Da “Il Notiziario”: domande ai candidati sindaci

    Buon giorno. Sono Piero Uboldi del “Notiziario”. Con la presente mail vi invio in allegato le domande ai candidati sindaci per le interviste parallele che pubblicheremo da settimana prossima in poi. Vi prego di inviarmi le risposte via mail a questo indirizzo da cui vi sto scrivendo e di non superare nelle risposte la lunghezza di 1.200 battute (per ogni risposta), spazi inclusi. Trovate le domande (suddivise per ciascuna settimana) nell’allegato.
    Grazie per la collaborazione e buona campagna elettorale.
    Piero Uboldi

    1) I comuni non hanno molti soldi e far quadrare i bilanci è difficile. Secondo lei in questa situazione è meglio aumentare le imposte (Imu e addizionale Irpef), aumentare le tariffe di accesso ai servizi (a quali aumentarle?) o tagliare qualche servizio comunale?

    2) Quali sono le sue proposte per i giovani di Garbagnate?

    Da: COSIMO SOLIDORO [mailto:solidoro@tin.it]
    Inviato: martedì 10 aprile 2012 20.15
    A: ‘piero.uboldi’
    Oggetto: R: Da “Il Notiziario”: domande ai candidati sindaci

    Gentile Piero Uboldi di seguito Le trasmetto le mie risposte ai Suoi quesiti.

    1) Ritengo che non sia possibile tagliare nessuno dei servizi sociali del Comune, ma che gli stessi siano potenziati, investendo in questo ambito la maggior parte delle risorse disponibili. Le tariffe non vanno aumentate, ma va certamente rivisto il carico tributario che grava sulle famiglie piu’ povere. Occorre introdurre come sistema ordinario la misurazione della ricchezza (in termini di reddito e di patrimonio) posseduta da ciascuna famiglia che accede ai servizi pubblici, al fine di redistribuire, in maniera equa, le risorse disponibili. Strumenti di misurazione della ricchezza delle famiglie (in termini di patrimonio e di reddito) andrebbero utilizzati anche per l’articolazione delle aliquote IMU.
    2) I giovani rappresentano il futuro. Noi meno giovani dovremmo abdicare in favore di tutti i giovani. Bene ciò che si potrà vedere in tutti i partiti se sarà possibile svecchiare il Consiglio Comunale o la Giunta. In questo momento, gli unici partiti che parlano con persone nuove sono il PSI ed il Movimento cinque stelle. E’ difficile che l’attuale gerontocrazia possa dimostrarsi capace di creare spazi per i giovani. La precedente Giunta ha tagliato i fondi ed ha chiuso lo storico Centro di Aggregazione giovanile. Il PD propone, tra le sue nuove iniziative, lo stereotipato sindaco Pioli. Lo hanno messo perfino nel simbolo del loro partito, contro il parere del loro Segretario Bersani, che vorrebbe bandire i personalismi. Non si può immaginare che le scelte dei giovani passino per i vecchi. Prima di tutto occorre che i giovani si reimpossessino delle chiavi della città. E’ solo un problema di scelte ottimali. La grinta dei giovani non si può emulare. Rafforzare il sociale, come è intendimento del PSI, passa dal riconoscere una corsia preferenziale per i giovani, sempre più emarginati dal mondo del lavoro. Il Comune ha l’obbligo di ripristinare tutti i luoghi di facilitazione degli scambi e delle proposte dei giovani. Bene se si riusciranno a potenziare i luoghi della cultura e dello studio, in tutte le loro forme (CAG, sedi per avviare attività, centri di ascolto, interscambi con le scuole, edilizia agevolata, biblioteche, luoghi di accesso ad internet, centri di orientamento al lavoro, promozione dei giovani della città, iniziative musicali, letterarie, scientifiche).

    Cordiali saluti
    Cosimo Solidoro
    Candidato Sindaco del PSI

    Comments are closed.